Il sonetto per la Prima Comunione di Francesco Romolo

A Maggio 2016 nostro figlio Francesco Romolo ha fatto la Prima Comunione e – naturalmente! – non potevo esimermi dallo scrivere un sonetto che abbiamo allegato alle bomboniere per tutti gli invitati.
Quella che doveva essere una festa, e poi alla fine lo è stata nel suo significato più importante e profondo, non si era presentata nel migliore dei modi e ci aveva fatto prendere qualche incavolatura.
L’organizzazione approssimativa e superficiale del parroco e dei catechisti aveva portato a celebrare un sacramento come fosse stata la fiera delle vacche. 30 bambini tutti nello stesso giorno e nella chiesa – la Collegiata, quella più importante di Anguillara, ma anche quella in cima al centro storico, difficilmente raggiungibile a piedi da chi ha i nonni anziani come Francesco Romolo -, con solo 4 posti riservati ai parenti (a conti fatti: padre, madre e solo 2 nonni ! Io ho 4 nipoti e come zio ho sempre partecipato alla Comunioni e alle Cresime di tutti !), tra l’altro estratti a sorte come la tombola di fine anno e un non chiaro mercato sull’acquisto del saio da indossare sul quale non ho preferito indagare a fondo e che abbiamo alla fine evitato facendocelo prestare.
Inutile naturalmente ogni nostra richiesta di dividere i ragazzi in due gruppi in due diverse domeniche, o in due diverse chiese o in due diversi orari: le rape, come noto, pur essendo rosse anche se le spremi non secernono sangue…
Se siamo passati sopra tante cose è stato perché, da buoni genitori che cerchiamo di essere…, non volevamo rovinare il giorno di festa di nostro figlio.
Meraviglioso poi è stato il pranzo fatto al ristorante Alfredo da Persichella di Bracciano, dove l’ottima cucina si abbina al panorama sul lago, dominato dall’alto dal Castello Orsini Odescalchi. I regali, infine, sono culminati con il non plus ultra dell’ anelata Play Station 4 !
Un ringraziamento particolare a Stefano Cassone che con grande amicizia ha svolto il servizio fotografico.


LA PRIMA COMMUNIONE

La Prima Comunione

L’Ultima Cena di Leonardo da Vinci

La sera se n’andòrno tutti a cena
all’osteria che stava fòri porta,
sarebbe stata lì l’urtima vòrta.
Gesù er còre già ciaveva ‘n pena

e prese ‘r pane e poi lo benedisse:
« Magnate tutti, questo è ‘r corpo mio,
der Fijo Uniggenito de Dio,
offerto ‘n sacrificio pe’ voi
» – disse.

E dopo de la cena versò ‘r vino
e disse: « Questo è ‘r Sangue Mio Innocente
versato sulla Croce a capo chino

pe’ la vostra sarvezza e redenzione.
Portate ‘sto ricordo a tanta gente. »
E quella fu la Prima Communione.

 

Prima Comunione di Francesco Romolo Volpi, 15 Maggio 2016

 






















Annunci
Categorie: Pensieri e parole | Tag: , , | Lascia un commento

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Home

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

CiavolaBlog

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

Immaginimmaginario.

Laboratorio permanente sulla storia e la visualità

claudiacrocioni

"Lo so per esperienza, vi dico!" Aperto a qualsiasi discussione riguardante il mondo della scrittura, dell'editoria, degli autori letterari di ieri e di oggi, chi più ne ha più ne metta!

Creo il mio guadagno

ROSSELLA NOTARDONATO: Il mio marketing nel mondo LR Beauty & Health System.

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

"SPIRITO ANARCOLICO" DI VALERIO VOLPI

──── RUGANTINO ANGUILLARINO ─── RUGANTINO ANGUILLARINO ─── RUGANTINO ANGUILLARINO ───

matteobook

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

PAGINE GIOVANI

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

SaRa Stampa

A volte una sola lettera cambia il significato di un'intera parola!

Leggotutto

parole scritte su parole lette (e anche su molto, molto altro)

DOMENICO VOLPI

SCRITTORE, GIORNALISTA, AUTORE DI SAGGI, DI LIBRI PER RAGAZZI E DI TESTI SCOLASTICI

Valerio Sul Serio

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

Pasquino Anguillarino

...A chi tocca nun se 'ngrugna !