Un pensiero per Don Giuliano

don-giuliano-1968-copia

Don Giuliano Carlesi
Roma 18 Maggio 1922 – 1 Maggio 2014

Clicca qui per scaricare il pdf

Il Signore ha avuto bisogno di una penna per raccontarci del Suo Amore.

Una penna nera, per scrivere le Sue parole chiare e indelebili sopra nostre anime, bianche come fogli di carta. Una penna che scrivesse a lungo e senza soste, perché noi ci rendessimo conto della costanza del Suo Amore. Una penna biro sempre a portata di mano, per scrivere nelle scuole, nelle parrocchie, nelle case, nelle comunità.

Ecco cosa è stato Don Giuliano. Con il suo abito talare scuro, con la sua magrezza e la sua altezza è stato uno strumento nelle mani del Signore. Tramite lui il Signore ci ha guidato, consigliato, esortato, aiutato, consolato. Tramite il suo carattere forte e il suo umorismo ci ha donato un solido bastone per affrontare le salite della vita.

Conosco Don Giuliano da 45 anni, da quando bambino frequentavo la scuola de La Salle di via Pagano. Non l’ho mai avuto come maestro, ma ricordo ancora oggi che agli esami di V Elementare non seppi rispondere alla sua benevola domanda: “Valerio, ti ricordi dove si trova la Cordigliera delle Ande ?”.

Per tutti noi ragazzi era il punto di riferimento principale per la messa domenicale, per quelle celebrate in occasione del Natale e della Pasqua, per la preparazione alla Prima Comunione e alla Cresima, per gli insegnamenti del catechismo.

Il rapporto di grande affetto e stima che ho nutrito in tutti questi anni per Don Giuliano è figlio dei favolosi campeggi estivi che organizzava con inesauribile passione. Due settimane fuori casa senza genitori, a contatto con le bellezze naturali dei Monti Simbruini, del Parco Nazionale del Gran Paradiso, delle Dolomiti.

Esperienze di vita meravigliose, dove la giornate vissute insieme, le esigenze di quella piccola comunità, il doversela cavare da soli, i valori dell’amicizia, della fede, del rispetto, della solidarietà la facevano da padrone. Si imparavano più cose sulla vita in quindici giorni di campeggio che in tutto il resto dell’anno. Erano una sorta di “oratorio ambulante” dove c’era spazio per la preghiera e per il gioco, per le riflessioni e per gli scherzi, per le regole e per i piaceri.

Ti ricordi, Don Giuliano, quante volte abbiamo riempito le borracce con l’acqua cristallina di sorgente alpina ? E quelle passeggiate tra boschi muschiosi, vette immacolate, declivi erbosi e altipiani silenziosi ? E soprattutto quella volta che ti feci infuriare perché, nonostante le mille raccomandazioni tue e del guardiano della diga di non tirare sassi nel bacino, gettai quell’enorme masso che esplose nell’acqua provocando una pioggia torrenziale di schizzi ?

Finite le scuole medie poi la vita ci ha allontanato per quasi trent’anni. Di solito diamo la colpa agli impegni, alle scelte, all’università, alle esigenze che cambiano, ai ritmi del lavoro, alle necessità della casa, della famiglia, dei figli…

Per carità, non sono mai bugie e la vita più va avanti e più si complica, ma è stata solo colpa mia se non ho saputo ritagliare degli spazi per una persona che solo la maturità mi ha fatto capire quanto sia stata importante nella mia vita. Quando glielo confidavo mi rispondeva serafico: “Ci credo bene, altrimenti non saresti qui !”.

Nel 2009 mi sono sposato con mia moglie Rossella in chiesa – nel 2001 ci eravamo già sposati con il rito civile ─ ed il mio primo pensiero è stato per Don Giuliano che finalmente ho ricontattato rompendo gli indugi.

Da allora ci siamo rivisti spesso e mio figlio Francesco Romolo che ha quasi 8 anni ha avuto con lui un rapporto speciale. Lo scorso Natale gli ho chiesto: “Francesco, ma secondo te è più vecchio Babbo Natale o Don Giuliano?”. Il piccolino dopo una riflessione breve, ma intensa ha sentenziato: “Don Giuliano, perché ci vede poco…”.

Era questa l’atmosfera che Don Giuliano mi confidava di amare quando veniva a pranzo a casa nostra o in quella di mio padre Domenico. Gli mancava molto il clima familiare, la genuinità di un pasto da condividere con amore, il tavolo che si allungava per accogliere gli ospiti, i discorsi seri e scherzosi che si alternavano durante e dopo il pasto. Era quella normale semplicità familiare che lui aveva perso fin dalla giovane età e che era sempre rimasta impressa nel suo cuore, così come il ricordo sempre vivido di sua madre.

Non siamo buoni cristiani se oggi piangiamo. Non siamo buoni cristiani se oggi cediamo al dolore della separazione terrena.

Oggi per Don Giuliano è un giorno di festa. Oggi Don Giuliano riceve dal Signore quella Gioia, quella Ricompensa, quella Serenità, quella Pace, quell’Amore che per tutta la sua vita umana ha costantemente cercato, voluto e meritato. Oggi Maria lo accompagnerà a riabbracciare la sua amata mamma e tutte le persone a lui più care che lo hanno preceduto in Paradiso.

Ciao Don Giuliano. Ti ho sempre avuto nel cuore per tutti questi anni e continuerà ad essere così. Ti ho sempre ritenuto come un padre per tutti questi anni e continuerà ad essere così. Noi ti ricorderemo sempre nei nostri cuori, tu ricordaci sempre nelle tue preghiere.

Ciao Don Giuliano. Come sono viste da Lassù le vette alpine ?

Valerio Volpi

Le foto della festa per i 90 anni di Don Giuliano
90-anni-don-giuliano-2 90-anni-don-giuliano-1

Categorie: Pensieri e parole | 1 commento

Navigazione articolo

Un pensiero su “Un pensiero per Don Giuliano

  1. Stefano Zimbolo

    Grazie!!! Un abbraccio Stefano

    _________________________________________ [image: Noovle S.p.A.] https://noovle.com/it Stefano Zimbolo DC.S.FO DATA CENTER SERVICES DATA CENTER FIELD OPERATIONS

    Noovle S.p.A. S.S.148 Pontina Km 29,100 – 00040 Pomezia (RM) +393356330187 Facebook https://www.facebook.com/NoovleItaliaTwitter https://twitter.com/Noovle_SpALinkedin https://www.linkedin.com/company/noovle/ http://www.noovle.com https://www.noovle.com/it/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

La Comune online

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

CiavolaBlog

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

Vanessa Roghi

Un blog di storie e storia

claudiacrocioni

"Lo so per esperienza, vi dico!" Aperto a qualsiasi discussione riguardante il mondo della scrittura, dell'editoria, degli autori letterari di ieri e di oggi, chi più ne ha più ne metta!

Creo il mio guadagno

ROSSELLA NOTARDONATO: Il mio marketing nel mondo LR Beauty & Health System.

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

"SPIRITO ANARCOLICO" DI VALERIO VOLPI

──── RUGANTINO ANGUILLARINO ─── RUGANTINO ANGUILLARINO ─── RUGANTINO ANGUILLARINO ───

matteobook

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

PAGINE GIOVANI

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

SaRa Stampa

A volte una sola lettera cambia il significato di un'intera parola!

Leggotutto

parole scritte su parole lette (e anche su molto, molto altro)

DOMENICO VOLPI

SCRITTORE, GIORNALISTA, AUTORE DI SAGGI, DI LIBRI PER RAGAZZI E DI TESTI SCOLASTICI

Valerio Sul Serio

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

Pasquino Anguillarino

...A chi tocca nun se 'ngrugna !

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: