“Oui, je suis Paola Pagani !”

Certi amori non finiscono “, canta Antonello Venditti. Beh, vi dico la mia: nemmeno certe amicizie.
Voglio bene a Paola – alla sorella Stefania e al fratello Marco – da quando è venuta ad abitare nel mio stesso palazzo. Avevamo circa 10 anni e la vita era un’avventurosa scoperta da vivere nei giorni d’estate nel giardino condominiale.
Qualche anno fa in occasione del suo compleanno il marito Aldo ha organizzato una festa a sorpresa in un locale di San Lorenzo, uno dei quartieri storici di Roma a un passo dall’Università La Sapienza.
Abbiamo festeggiato con la torta e lo spumante, ma soprattutto con un giornalino scritto apposta dagli amici in maniera scherzosa dove ognuno le ha dimostrato il proprio affetto con le proprie parole e fotografie.
A me è stato riservato l’onore di scrivere quello che potremmo definire in termini giornalistici l’editoriale e ho piacere di riproporlo in questo post.
Da allora la famiglia di Paola, Aldo e Giovanni è aumentata di numero con l’adozione di Florin, un ragazzo speciale, davvero in gamba. Benvenuto !

───────────────────────────────────────────────

Nel giorno del suo Compleanno

“Oui, je suis Paola Pagani !”


La nostra amica a ruota libera:
i ricordi d’infanzia, il suo grande amore, le passioni… e i vizi.

Femme Fatale

Femme Fatale

 

Dal nostro inviato Valerio Volpi

L’abbiamo incontrata la sera del 22 gennaio per aspettare insieme la mezzanotte del giorno del suo compleanno, con una bella festa a sorpresa per dimostrarle tutto il nostro grande e immutato affetto, nonostante l’irrefrenabile rincorrersi degli anni.

Ed eccola qui Paola Pagani, splendida, sofisticata, spiritosa, elegante “ragazza intorno alla quarantina ( l’effettiva età anagrafica è tutelata dalla  vigente normativa sulla privacy…) che ha cordialmente accettato di parlare con noi di ricordi, emozioni, sentimenti, progetti, amori, speranze, passioni e fantasie.

Insomma, del proprio sconfinato universo interiore che, fondendosi con gli infiniti cosmi altrui, dà luogo a quella che di solito definiamo solo con il corrispondente riduttivo termine biologico: vita.

Il suo famoso sorriso che evidenzia la regolarità dei lineamenti del viso ed ispira subito un’endocrina simpatia si mantiene limpido e cristallino anche  per chi la conosce da tempo, ed arriva dritto al cuore come una freccia scoccata da Cupido. Resiste splendidamente negli anni alle intemperie del tempo, ed anzi la dolcezza del fascino maturo di una tipica donna mediterranea gli infonde un’accattivante sensualità, scatenando brividi di adrenalina al fortunato a cui è diretto.

 “ Allora Paola, a conti fatti, secondo le attuali statistiche, sei giunta ‘nel mezzo del cammin di nostra vita.  Bilanci ? ”

 Per carità, lasciamo stare i bilanci…Per quanto riguarda invece  ‘le bilancebeh, non ne voglio nemmeno sentir parlare !!!

“ Tutti questi amici riuniti qui per te ti faranno ricordare i tempi spensierati della tua infanzia ed adolescenza, quando tutto il gruppo di amici del palazzo di piazza Cardinal Ferrari ‘pascolava’ libero e felice nel giardino condominiale durante le interminabili giornate estive… “

Forse il periodo più bello e spensierato della mia vita.
I miei affittarono una bella casa con una grande terrazza ed un magnifico giardino condominiale. Avevo 11 anni e ricordo che Marco era piccolo, biondo e con dei riccioli d’oro ribelli che lo facevano somigliare ad un paffuto cherubino…

Il sorriso de La Gioconda

Il sorriso de La Gioconda

“ Ricordi come iniziò l’amicizia con quella banda di pesti scatenate capace di rivoltare il giardino in un lampo ? ”

All’inizio Stefania ed io eravamo un po’ timide, ed i miei non molto propensi a farci affrontare la vita ‘allo stato brado’ che regnava in cortile.
Poi un giorno, tornando a casa con due bei gelati comprati al ‘baretto’ della piazzetta, venimmo fermate sulla porta dell’ascensore da un gruppetto che ci chiese di fermarci a giocare, ma con evidenti e serie intenzioni sul nostro gelato…
Quello fu l’inizio di tante grandi amicizie che, anche con l’aumentare degli anni e delle distanze, ho sempre continuato a conservare gelosamente nel cuore.
Ricordo bene i primi soprannomi che ci affibbiarono. Stefania fu chiamata ‘Cornacchia’ per il tono delle sua voce già allora suadente ed ammaliante come quello di una sirena.
Io fui subito per tutti ‘Pallina’, perché… insomma, fin da piccola modestamente non mi è mai mancato niente !!!
Che meraviglioso ozio  accompagnava le ore estive, dalla chiusura alla riapertura delle scuole!!!
Giornate intere passate in giardino, con le sole soste del pranzo e della cena, fino alle 22 di sera quando mio padre si affacciava al terrazzo di casa e con un elegante fischio modulato suonava la ritirata…
Spesso poi per cena si organizzavano le ‘bruschettate’. Facevamo una buca tra la ghiaia del giardino per la brace e la sera passava tra bruschette, salsicce, braciole, chitarre  e vino.
Come al solito io ignoravo le ultime due cose, ma per le prime tre non mi tiravo mai indietro !!!

“ Quali sono stati i personaggi che hanno lasciato un segno indelebile nella tua infanzia ? ”

Tanti, tanti…
Nice la portiera, il sor Vittorio il vinaio e il suo cane Tombolino, Ululualdo il pensionato cui tiravamo i sassi sulla serranda…
Ma soprattutto Tilde, un povero diavolo che dopo una lunga giornata di duro lavoro mal sopportava il fatto che dopo cena gli piantassimo un faro di luce nel salotto mentre guardava la televisione al buio.
Al culmine dell’esasperazione si affacciava al balcone e lanciava a squarciagola il suo grido di battaglia: « Pezzo di cretino !!! Idiota, idiota, idiota, sottosviluppato mentale: perché non illumini il tuo cranio pieno di segatura ?»
 “

“ Cosa dire, è sicuramente stata quella che potremmo definire ‘un infanzia vissuta’…
Ma ora facciamo un piccolo salto temporale: raccontaci come è avvenuto il tuo incontro con Aldo.

Sirena sexy

Sirena sexy

Dopo i 20 anni abbiamo lasciato casa a Roma e ci siamo trasferiti a Ladispoli.
Aldo l’ho conosciuto poco dopo ed è nata subito una grande amicizia. Ad essere sincera voglio confessarvi per la prima volta che forse già da allora era un po’ più di un’amicizia… Ma per molto tempo tutto rimase allo stato latente, perché le nostre vite allora avevano preso altre direzioni.
E poi i tempi eroici dello SNAPORAZ, il locale dove si faceva musica, teatro e la sera nel pub imperversava Aldo seducendo schiere di innocenti fanciulle con i suoi famosissimi cocktail.
No, dico, ve lo immaginate ?
Io astemia e Aldo in mezzo agli alcolici: sembravamo proprio.. il diavolo e l’acqua santa !!!
Cosa volete, la vita a volte è strana…
Insomma il nostro amore somiglia proprio ad una caffettiera: ci abbiamo messo l’acqua, il caffè, l’abbiamo avvitato con cura e messo sul gas a fuoco basso. L’acqua si è scaldata giorno dopo giorno e, mentre il tempo passava senza che noi ce ne accorgessimo, pazientemente il vapore ha iniziato a fare pressione verso l’alto. L’attesa è stata lunga, ma finalmente nel 1997 ha fatto capolino un caffè forte, robusto, cremoso ed aromatico come il sentimento che ci lega.
Lo zucchero ?
Beh, ci provvediamo di persona noi due quotidianamente…
È stato così che il 30 settembre 2001 ci siamo sposati al Comune di Ladispoli
, sotto gli indisponenti sguardi di parenti e amici che non la finivano di prenderci in giro !!!

“ Davvero un grande amore, non c’è che dire.
Però, confessalo, non è il solo. C’è un altro uomo nella tua vita, non è vero ? ”

Ladispoli's Blues Brothers

Ladispoli’s Blues Brothers

 Ma certo, e ne sono felicissima !!!
È Giovanni, un ragazzo di 14 anni che Aldo ed io abbiamo in affidamento. È originario della Moldavia, ma si è subito ambientato benissimo: è un  super tifoso  della maggica’  ROMA !!!”

“ Si dice che, proprio come facevano le nostre nonne, tu abbia conquistato il cuore di entrambi prendendoli per la gola.
Famosi sono i tuoi manicaretti, le tue prelibatezze, le tue leccornie da cuoca provetta.
Quando hai iniziato a dedicarti all’arte culinaria ? ”

È una passione che ho sempre avuto. Fin  da quando ero bambina in cucina, modestamente, ne ho sempre combinate di ‘cotte e di ‘crude !!! ” 

“ Facciamo qualche domanda a botta e risposta.
Gusti musicali? ”

Da piccola sono stata folgorata da David Bowie, non mi mancava un disco. E poi la colonna musicale di Jesus Christ Superstar, La Febbre del Sabato Sera, Grease
La maturità mi ha fatto apprezzare Fabrizio De André.

“ Genere di film ? ”
Azione e avventura. Ultimamente mi sono goduta… Hulk.

 “Ultimo libro letto ?”
 “ ’100 colpi di spazzola prima di andare a dormire’, di Melissa P., il caso letterario di una scrittrice adolescente alla scoperta della vita e del sesso.

Tanto di cappello !

Tanto di cappello !

“ Il viaggio che vorresti fare ? ”
A Cuba, a Cuba !!!
Abbiamo un caro amico che ha casa lì e ci ospiterebbe…. (Ma credo che sia meglio non divulgare la notizia per evitare problemi di affolamento !!!)

“Piatto preferito ?”
“ I pomodori con il riso.
Per me più che un piatto sono  praticamente l’unica posizione mancante del Kamasutra
!!!

“Conosciamo già la risposta, ma ci piace troppo ascoltarla: squadra del cuore ?”
“ LAMAGGICAROMA !!!

“ …E se quest’anno a maggio accade qualcosa di particolarmente ‘maggico’ ? ”
Faccio una promessa solenne.
In questo caso farò un arrapantissimo spogliarello pubblico tra le dune dell’esotica spiaggia di Ladispoli Beach, dove farò sfoggio della mia biancheria intima da bomba sexy.
L’evento sarà ripreso in mondovisione!!! La Ferilli ? …
Me la magno !!!

” Facciamo ora il solito gioco.
La nave cola a picco e puoi portare in salvo su un isola deserta solo tre cose che hai in valigia.
Cosa scegli ? ”

…Solo tre cose ? Dovrei scegliere solo UN paio di scarpe, solo UN vestito, solo UN cappello ?
E mi chiedete cosa scelgo ?
…Scelgo di affondare !!!

La classe non è acqua

La classe non è acqua

“ Un’ultima domanda, chiudiamo con una cosa seria. Hai uno spirito artistico, ami dipingere e soprattutto scrivere versi. Cos’è, secondo te, la poesia ? 

La poesia è la solidificazione dell’anima, l’incarnazione del sentimento, la rappresentazione fisica del nostro mondo interiore.
Ed è l’augurio che voglio rivolgere a tutti gli amici che stasera mi hanno fatto questa meravigliosa sorpresa.
Che le vostre vite siano ricolme di poesia !!!

E ci saluta con il suo sorriso allegro come il mezzogiorno, romantico come il tramonto ed intrigante come il crepuscolo.

Quel sorriso, quello stesso identico sorriso che ammaliò così profondamente un bambino di trent’anni fa che lo convinse a fare di tutto per ottenere il suo primo bacio d’amore della vita.

Categorie: Pensieri e parole | Tag: , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

La Comune online

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

CiavolaBlog

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

Vanessa Roghi

Un blog di storie e storia

claudiacrocioni

"Lo so per esperienza, vi dico!" Aperto a qualsiasi discussione riguardante il mondo della scrittura, dell'editoria, degli autori letterari di ieri e di oggi, chi più ne ha più ne metta!

Creo il mio guadagno

ROSSELLA NOTARDONATO: Il mio marketing nel mondo LR Beauty & Health System.

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

"SPIRITO ANARCOLICO" DI VALERIO VOLPI

──── RUGANTINO ANGUILLARINO ─── RUGANTINO ANGUILLARINO ─── RUGANTINO ANGUILLARINO ───

matteobook

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

PAGINE GIOVANI

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

SaRa Stampa

A volte una sola lettera cambia il significato di un'intera parola!

Leggotutto

parole scritte su parole lette (e anche su molto, molto altro)

DOMENICO VOLPI

SCRITTORE, GIORNALISTA, AUTORE DI SAGGI, DI LIBRI PER RAGAZZI E DI TESTI SCOLASTICI

Valerio Sul Serio

Il blog "quasi normale" di VALERIO VOLPI

Pasquino Anguillarino

...A chi tocca nun se 'ngrugna !

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: